Contenuto Principale
Cinzia Albertini

Cinzia Albertini

Lunedì, 12 Gennaio 2015 22:52

Strage di Parigi: una farsa mal congegnata

Strage di Parigi: una farsa mal congegnata

La strage del 7 gennaio 2015 nella redazione del giornale satirico Charlie Hebdo nella quale sono morte ben dodici persone, ha come dato reale – purtroppo – solo le vittime, anche se ci sono dei dubbi perfino su queste.

Mercoledì, 31 Dicembre 2014 15:26

"Caro" Presidente...

"Caro" Presidente...

Signor Presidente, quando uno dei suoi migliori predecessori, Sandro Pertini, fu eletto capo dello Stato nel 1978, Indro Montanelli gli inviò il seguente telegramma: “Che Dio le conceda il coraggio, Presidente, di fare le cose che si possono e si debbono fare; l’umiltà di rinunziare a quelle che si possono ma non si debbono, e a quelle che si debbono ma non si possono fare; e la saggezza di distinguere sempre le une dalle altre”. È un vero peccato che Montanelli, essendo scomparso nel 2001, non abbia potuto inviarlo anche a lei quando fu eletto nel 2006 e rieletto nel 2013.

Le sarebbe senz’altro servito a evitare un sacco di errori, abusi di potere e deragliamenti dai confini fissati dalla Costituzione, che invece hanno costellato l’intero suo settennato e anche il post-scriptum degli ultimi 20 mesi. Manca lo spazio per riassumerli tutti: li troverà, nel caso in cui le servisse un ripasso, nel libro Viva il Re! uscito un anno fa. Qui ci limitiamo a quelli del suo secondo mandato, che da soli bastano e avanzano a fare di lei il peggior presidente della storia della Repubblica.

Così anche gli agnelli musulmani scopriranno il lupo dentro di loro

L'automobile è stata sempre sentita dai giovani maschi come una conquista di potenza. E di fatto lo è. Non per nulla la pubblicità di solito presenta un nuovo modello con accanto una prorompente ragazza sexy pronta ad accettare un passaggio: conquistare una donna è stato sempre simbolo, almeno in occidente, di qualsiasi altra conquista. È la velocità cui si può spingere un’automobile che suggerisce al maschio il senso della propria potenza? No, la velocità ne è soltanto lo strumento: il vero motivo è la possibilità di uccidere, una possibilità che trasforma l’automobile in una potentissima arma e l’uomo che la possiede ovviamente nel più forte di tutti, tanto quanto se avesse in mano una pistola. Molti dei cosiddetti incidenti del sabato sera, che di solito coinvolgono tragicamente i giovani, hanno alla base l’eccesso di velocità, una velocità che è per i maschi ricerca della massima potenza, quella che domina su tutti gli altri perché li terrorizza con il timore della morte.

IL MITO DELLA PRIVATIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI

Le ultime vicende del Comune di Roma e della Regione Lazio hanno messo in evidenza un’aurea regola italiana, mutuata dalla Fiat e applicata ai rapporti fra Stato e privati: “privatizzare” gli introiti e “pubblicizzare” le perdite. Un sistema di potere mafia-politica da anni guadagna sulla pelle dei ‘disperati’, che “rendono più del commercio di droga“ col pretesto di nobili ideali come l’accoglienza e l’integrazione; accusando di fascismo, razzismo e xenofobia chiunque si opponga allo spreco di denaro pubblico che è finalmente venuto alla luce. I costi sono ‘pubblici’, i ricavi invece diventano ‘privati’.

Tutti pensano alla successione al Colle, tranne gli italiani

In queste settimane nell’arena politica italiana è stata messa in scena una delle più riuscite rappresentazioni del teatro dell’assurdo. Tutti i partiti sono in fermento per la prossima elezione del Presidente della Repubblica, che tuttavia è solo presunta, perché ad oggi Giorgio Napolitano non ha smentito né confermato le sue dimissioni.

Il balletto a cui assistiamo è quindi assolutamente gratuito e tipicamente italiano, e cioè per non affrontare i problemi più seri se ne inventano sempre di nuovi, non risolvendone poi neanche uno.

Referendum-burla, Grillo vuole sabotare i no-euro

La campagna di Beppe Grillo per un referendum sull’uscita dall’euro?

«E’ la tattica più efficace per bloccare qualsiasi possibilità di abbandono della moneta unica».

Sabato, 06 Dicembre 2014 19:13

Il futuro è nostro?

Il futuro è nostro?

Titolo: Il futuro è nostro. Filosofia dell’azione

Autore: Diego Fusaro

Editore: Bompiani

 

Diego Fusaro, filosofo, docente presso l’università San Raffaele di Milano, ha scritto un libro nel quale sostiene la necessità di resistere” all’impostura della globalizzazione”, voluta dal grande capitale mondiale.

La chiusura del South Stream è rischiosa per l’Italia

La notizia della chiusura del progetto “South Stream” è stata accolta da molte edizioni italiane come fulmine a ciel sereno. Nondimeno i dirigenti ufficiali italiani, che ieri avevano in programma la diversificazione delle forniture delle risorse energetiche, in primo luogo grazie al South Stream, hanno reagito in modo sorprendentemente contenuto alla rinuncia della Russia alla realizzazione di questo progetto.

“In questo momento non riteniamo questo progetto fondamentale per l’Italia, per cui la decisione di bloccarlo non rappresenta adesso un motivo di preoccupazione”, ha detto il premier Matteo Renzi.

Nicolò Sartori, specialista di sicurezza energetica dell’Istituto degli Affari Internazionali di Roma, parla nell’intervista a “La Voce della Russia” dei risvolti che la chiusura di questo progetto avrà in realtà per l’Italia.

Domenica, 23 Novembre 2014 18:21

Il crollo di una costruzione immaginaria

Il crollo di una costruzione immaginaria

I governanti non guardano mai in faccia i risultati delle loro azioni se non quando, perduta una guerra, sono costretti dai vincitori a pagare i danni della sconfitta. Di fronte all’enorme catastrofe causata dall’unificazione europea e dalla moneta unica, non essendoci vincitori che li costringano a riconoscere quanto fosse sbagliato il loro progetto, continuano a fingere che l’“Europa” esista, piagnucolano (come ha fatto ultimamente anche il ministro Padoan) davanti ai proprietari della Banca centrale europea, ossia davanti a coloro cui hanno regalato la nostra sovranità e indipendenza, affinché abbiano pietà di noi e non ci mandino qualche lettera di reprimenda insieme alle dovute multe. Ebbene, cosa aspettano governanti e cittadini a riconoscere come tutto ciò sia assurdo? Che la terribile crisi economica, la tragica disoccupazione, la perdita di speranza per il futuro, la rinuncia a fare figli, l’invasione immigratoria che ci devasta, sono tutti risultati di quel progetto irreale chiamato “Unificazione Europea”? La moneta unica, con la delega a dei cittadini privati quali i proprietari della Banca Centrale a creare il denaro prodotto dal nostro lavoro, ha soltanto innescato la bomba che ha fatto esplodere la crisi, ma si trattava comunque di una crisi inevitabile, quella di una costruzione politica immaginaria: l’UE.

La Russia lancia un nuovo portale per investitori stranieri

Invest in Russia è il nome di un nuovo portale d'informazione lanciato la scorsa settimana a Mosca. Con il suo aiuto investitori stranieri potranno ricevere le informazioni necessarie riguardante l'attività d'investimenti in Russia. Il portale si trova nel segmento russo della rete all'indirizzo: investinrussia.ru. L'iniziatore e creatore della risorsa, unica nel suo genere, è il Fondo Russo d'Investimenti Diretti (RFPI).

Ricerca / Colonna destra

frase ok

Notizie Random

Redattore

Utenti online

Abbiamo 239 visitatori e nessun utente online

Video

"Macron è uno psicopatico": analisi di uno psichiatra italiano

Il professor Adriano Segatori è psichiatra e psicoterapeuta italiano. La sua analisi del profilo di Emmanuel Macron, basata in particolare sulla sua biografia e le sue immagini della campagna, lo spinge a concludere: "  Macron è uno psicopatico che lavora solo per se stesso.  "

Ti piace il giornale ?
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
Totale dei voti:
Primo voto:
Ultimo voto:
 
Powered by Sexy Polling
 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto