Contenuto Principale
Domenica, 09 Novembre 2014

L’integerrima UE In evidenza

Postato da  
Vota questo articolo
(0 Voti)
L’integerrima UE

Com’è noto, dal 4 novembre l’attività di vigilanza sui grandi gruppi bancari è stata trasferita dalla Banca d’Italia alla BCE. Bankitalia, il potere di stampare moneta l’aveva già perso molto tempo fa e, mentre i principali attori economico/politico mondiali, continuano a batterla con o senza il relativo controvalore in oro, l’Italia e qualche altro Paese del sud Europa “associato alla UE”, pagano interessi sul proprio deplorevole debito pubblico.

Negli stessi giorni è stato posto alla ribalta dei giornali il caso del “Lux-leaks”, ovvero della facoltà esercitata da molte aziende internazionali tra cui una trentina di italiane, di eludere le tasse trovando rifugio nel paradiso fiscale offerto dal Lussemburgo, di cui era premier da 18 anni e sino a pochi mesi or sono, il nuovo presidente della Commissione europea Jean Claude Junker.

Il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco (che sta al vertice di un’azienda con 7.027 dipendenti che costa al contribuente italico 1,8 mld di euro l’anno), ha affermato, in un’intervista resa nella settimana appena trascorsa, che sarebbe utile preoccuparsi di quanto le grandi aziende riescono a sottrarre al controllo del fisco, giovandosi della collaborazione fattiva di uno stato membro UE, il quale, oltretutto partecipa anche alla moneta unica.

E mentre in Italia l’imprenditore che evade le tasse rischia la galera, particolare attenzione sarà rivolta dai Paesi UE allo scambio d’informazioni sulle persone fisiche, rimandando a “sine die” quello per le aziende, che da tempo beneficiano dell’uso disinvolto delle norme fiscali dei singoli stati. Emblematico il caso di Fiat che, amministrata da gold man Marchionne, ha sede in Olanda, dove ci sono condizioni giuridiche molto favorevoli, come le azioni “a voto plurimo”, sede fiscale a Londra e quotazione alla borsa di New York!

Complimenti, alla Ue, soprattutto.

 

Mirco Cattani  

 

 

Letto 892 volteUltima modifica il Domenica, 09 Novembre 2014 18:24

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • I piani segreti del club Bilderberg
    Scritto da
    Titolo: I piani segreti del club Bilderberg Autore: Cristina Martin Jimenez Editore: Sperling & Kupfer 8/2014 Dalla sua fondazione dopo la seconda guerra mondiale, il club Bilderberg ha costantemente perseguito un solo obiettivo: aggirare le sovranità nazionali per imporre un controllo mondiale centralizzato, fondato su un’unica moneta e su un unico mercato. E’ esattamente quello che la UE, oggi, vuole imporre. Il club Bildeberg riunisce i maggiori nomi della finanza e della politica internazionale, cooptando nuovi ricchi ed invitando ai propri incontri annuali, soggetti del mondo dell’impresa e della comunicazione, in grado di svolgere una funzione persuasiva sull’opinione pubblica.
    Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto