Contenuto Principale

Difendere l'Italia

Postato da  

Titolo:  Difendere l'Italia

Autore: Ida Magli

Editore:  BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

"Questo saggio che fa seguito a “Dopo l’Occidente” e la “Dittatura Europea”, propone un’alternativa concreta alla distruzione sistematica dell’Italia, giunta alla sua fase esecutiva con l’avvento dei governi  Monti e Letta.

Siamo nella terza guerra mondiale e senza accorgercene stiamo al fronte, erroneamente convinti di vivere la nostra quotidianità, al riparo delle regole della democrazia.

Un democrazia che anche il più distratto tra noi, scopre quotidianamente assalita dalla corruzione e dall’incapacità professionale di politici innamorati del potere e dei lauti compensi che esso assicura.

Ida Magli si chiede “… quale buon senso potrà mai esservi nel lasciare ai detentori del potere come i parlamentari, la decisione sull’ammontare del proprio stipendio, delle proprie pensioni, su tutto quello insomma che li riguarda come persone e che è fondamentale per una vita libera e comoda? E’ talmente sacra questa retribuzione che non riescono a deciderne l’entità, cosa che avviene in un attimo quando si tratta della retribuzione dei normali cittadini. Il governo Monti ha semplicemente emanato un decreto per decurtare le pensioni, perfino quelle di minimo, in omaggio alla crisi dell’euro e delle banche e non ha trovato davanti a sé alcuna difficoltà: l’ha deciso e basta. Il Parlamento ha approvato.”

Innanzi alla tirannia instaurata dalla finanza, che attraverso il ricatto del debito pubblico ha trasformato gli italiani in debitori insolventi, serve un sogno, il “… sogno di chi cerca ancora la libertà, di chi spera ancora di poter combattere contro un mondo che ci vuole morti”.

Un libro da leggere e da regalare, soprattutto agli amici che stimiamo a che vorremmo vivessero un futuro migliore." Mirco Cattani

Sintesi:

Mentre gli scandali quotidiani e la frattura tra cittadini e istituzioni rendono sempre più evidente la disgregazione del sistema politico italiano ed europeo, Ida Magli mette in luce il mutamento epocale che la nostra democrazia sta vivendo: la rappresentanza è morta, e ciò significa la fine dei vecchi partiti che con il loro deserto di idee hanno fatto sprofondare l'Italia nella corruzione e l'hanno resa schiava della spietata contabilità dei banchieri di Bruxelles.

Di fronte a questo sfascio, tuttavia, non è possibile restare indifferenti: è necessario reagire a un sistema ormai esausto, e rifondare le basi culturali e sociali della nazione. In questo saggio senza sconti a nessuno, Ida Magli spinge gli italiani a ritrovare il proprio orgoglio, e lavorare per una rinascita italiana degna di questo nome: un programma politico e intellettuale per riappropriarci delle decisioni fondamentali per la nostra vita e salvare il nostro Paese.

 


Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • La quarta guerra d’indipendenza
    Scritto da
    In Italia ci sono persone di tutte le età, che iniziano a lavorare alle prime ore del mattino e continuano per tutto il giorno nella loro infaticabile ed appassionata opera. Spesso si dice che è la necessità ad indurle al lavoro, sminuendo e svilendo la motivazione originaria di quel fare. Non si lavora per solo denaro. Anzi, per l’uomo in salute il lavoro è l’irrinunciabile espressione di se stesso, per questo esso è posto all’inizio della nostra Costituzione. Chiunque lavori con passione, avverte quell’intimo appagamento generato dalla consapevolezza di aver ben eseguito la propria attività. Muratore ed operaio, contadino ed…
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 332 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto