Contenuto Principale
Sabato, 06 Dicembre 2014

Il futuro è nostro?

Postato da  
Il futuro è nostro?

Titolo: Il futuro è nostro. Filosofia dell’azione

Autore: Diego Fusaro

Editore: Bompiani

 

Diego Fusaro, filosofo, docente presso l’università San Raffaele di Milano, ha scritto un libro nel quale sostiene la necessità di resistere” all’impostura della globalizzazione”, voluta dal grande capitale mondiale.

Ecco una sua intervista resa a “La voce della Russia”.

- La situazione attuale, anche alla luce della guerra civile in Ucraina, vede la Russia e Putin sotto attacco dalle forze egemoniche dell’occidente. Cosa ne pensa?

Penso che siamo al cospetto di un vero e proprio attacco continuato ai danni della Russia di Putin. Questo perché è una potenza mondiale, che si sta opponendo al nuovo ordine imperiale statunitense post 1989. È evidente che la Russia di Putin è attaccata politicamente tramite rivoluzioni colorate, come quella dell’Ucraina, ed è poi attaccata militarmente tramite la collocazione di basi militari nei Paesi limitrofi. Infine è attaccata culturalmente tramite un processo di destrutturazione pilotata della cultura russa, vedi l’esempio delle Pussy Riots, finanziate dall’Occidente americano ed europeo. Si tratta di un’operazione tesa a destrutturare la cultura e l’identità russa per renderla facilmente accessibile all’imperialismo della globalizzazione a guida statunitense.

Il fatto che l’opinione pubblica e la manipolazione organizzata diffamino continuamente Putin è la spia che ci rivela una cosa: Putin è dalla parte giusta.

- Lei vede quindi un rinnovato attacco, da parte del "capitale", sui quei territori del globo non ancora assoggettai al pensiero unico dominante?

Certo! Ciò che pudicamente chiamiamo “globalizzazione” in verità corrisponde all’invasione del mondo intero da parte della forma merce e del mercato globale di tipo capitalistico. Parliamo di quella che io nei miei lavori chiamo “ideologia del medesimo”. Il capitale con la globalizzazione vuole vedere ovunque e sempre la stessa cosa: merce, economia, lingua inglese, one way of life, one word, pensiero unico. Il capitale globalizzato odia le differenze e deve sopprimerle per imporre ovunque il medesimo sistema, il medesimo ordine. In questo senso, la Russia di Putin che resiste a questo tenendo vivo il multipolarismo anche culturale, è uno dei principali bersagli da parte della globalizzazione a guida statunitense.

- Dottor Fusaro, ma per trovare un’alternativa a questa situazione di stallo, qual è la ricetta che lei propone nel suo ultimo libro “Il futuro è nostro”?

Il mio libro “Il futuro è nostro” pone le premesse, o meglio le condizioni ontologiche per un possibile riscatto. Con questa formula pomposa intendo dire che per cambiare il mondo occorre anzitutto pensare che sia possibile cambiarlo. Per resistere alla globalizzazione occorre pensare che sia possibile resistere. Il mio libro è un tentativo dal punto di vista filosofico e metafisico di tornare a pensare alla realtà come possibilità, storia e prassi. Non come una realtà oggettiva data, che dev’essere subita, sopportata e accettata come irreversibile. Bisogna pensare ad una realtà capace di imbozzolare al proprio interno una molteplicità di possibilità, che possono essere tradotte in atto tramite la nostra azione. Resistere non soltanto è possibile, ma è necessario per poter sopravvivere prima che il pianeta si estingua sotto il capitalismo divenuto religione del mercato.

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Intervista a Nicola Pontone, fondatore di Trentini in Movimento ed ex appartenente al Movimento 5 Stelle
    Scritto da
    Nell’imminenza delle elezioni provinciali, Pergine Vox sta contribuendo al dibattito politico in corso, dando spazio alla voce di alcuni attori della politica trentina, mediante interviste intese a fornire ai lettori ragguagli sulla loro linea di pensiero. Interessante ci sembra offrire anche un contributo, che evidenzi il pensiero degli elettori. In particolare, di coloro tra essi che seguono la politica e lo fanno con quel senso civico e di responsabilità sociale, che dovrebbe essere patrimonio di tutti i cittadini, ma in particolare dei più sensibili ai problemi della collettività, come l’impegno politico tradizionalmente attesta per i propri protagonisti.
    Leggi tutto...

Utenti online

Abbiamo 194 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto