Contenuto Principale
Venerdì, 14 Aprile 2017 09:49

Quello che non ci dicono su Kim Pyongyang

Postato da
Quello che non ci dicono su Kim Pyongyang

Kim è un pazzo. Kim è un criminale. Kim è un dittatore. E’ il solito repertorio, reso però sempre più stucchevole da Presidenti occidentali che giocano tranquillamente a golf mentre bombardano Paesi che distano decine di migliaia di chilometri dai loro confini.

Comunque, che Kim Pyonyang sia un leader decisamente fuori dai canoni democratici non ci piove: basti pensare che in Corea del Nord la naja dura una cosa come dieci anni, mentre dalle nostre parti ci si dava gravemente malati per dieci mesi effettivi.

Fin qui la «narrazione» occidentale sul paffuto leader coreano – la reductio ad Hitlerum di tutti i nemici della Nato – ci può anche stare.

Quello che invece non ci sta proprio per niente è paventare la pericolosità della Corea del Nord. Lasciando decantare questo racconto si finisce per giustificare la presenza della portaerei americana a ridosso delle coste coreane in queste ore.

L'esposizione universale del 1942 e la tomba del sentimento nazionale italiano

La storia dell'Italia contemporanea è la storia di una scommessa finita male, di un sogno spezzato: l'ambizione di trasformare gli Italiani in un popolo. Il risorgere dei localismi e dei municipalismi e, addirittura, il nascere dei secessionismi, è la conferma di questa sconfitta e di questo radicale fallimento.

Gli USA mobilitano 150 mila riservisti. Sta per iniziare una vera guerra?

DI MARCELLO FOA

Il Cuore Del Mondo

Sta per iniziare una vera guerra? I segnali che giungono in queste ore sono molto allarmanti. L’esercito americano sta inviando in queste ore a 150 mila riservisti delle lettere con un preavviso di mobilitazione.

Dopo l’auto-attentato, ecco la strage di bimbi con gas nervino in Siria. Ok, scopriamo le carte ora?

Quanti russi ci vogliono per fare un occidentale (mi tocca usare questa formula perché l’insegnante di storia e geografia della gran parte dei grandi giornalisti italiani deve essere morta al primo quadrimestre)? Sicuramente non ne bastano 14, il loro sangue non deve essere abbastanza rosso, il dolore dei loro familiari non abbastanza straziante, la loro paura non abbastanza meritevole di pietà. Viene da chiederselo, al netto della reazione di pressoché indifferenza del cosiddetto “mondo libero” all’attentato di San Pietroburgo: nessuna edizione speciale dei tg o dei talk-show, programmazione tv rimasta fissa sul solito letamaio da cervello all’ammasso ma, soprattutto, la new entry assoluta del complottismo in salsa mainstream. Dire che Putin l’attentato se lo è fatto da solo per paura dei 22 boy scout capitanati da Navalny è cosa buona e giusta, sdoganata dai salotti buoni.

SEI STATI UE VIETANO ALL’ITALIA PER LA RICOSTRUZIONE DELLE ZONE TERREMOTATE I FONDI DELL’UNIONE EUROPEA

Un altro grande grande esempio di “solidarietà europea” per coloro che si riempiono la bocca di più Europa……più Europa……più Europa.

L’America rischierà la terza guerra mondiale per prevenire l’emergere di un superstato UE-Russia

DI MIKE WHITNEY

counterpunch.org

“La Russia è parte organica e inalienabile dell’Europa in senso allargato e della civiltà Europea. I nostri cittadini si considerano Europei. Per queste ragioni la Russia propone un movimento verso la creazione di uno spazio economico comune che vada dall’Atlantico al Pacifico, una comunità a cui gli esperti Russi si riferiscono come “l’Unione di tutta Europa”, che rafforzerà il potenziale Russo nel suo sforzo economico verso la ‘Nuova Asia’. ” – Presidente della Russia Vladimir Putin, “La Russia e il Mondo in cambiamento”, Febbraio 2012

FBI NASCONDE LE PROVE CHE OBAMA HA SPIATO TRUMP. ECCOLE.

Nessuna presa d’atto dei mainstream sulla notizia che abbiamo dato  ieri:

“Devin Nunes, il presidente della Commissione Intelligence della Camera bassa, ha detto alla stampa: sì, la “comunità d’intelligence” ha raccolto “incidentalmente” telefonate e messaggi. Sì,”membri del transition team di Donal Trump, e possibilmente Trump stesso, sono stati sotto sorveglianza durante l’amministrazione Obama, dopo  l’elezione di novembre”.  Sono stati “monitorati” ma durante una “raccolta incidentale” di dati. Però è stato tutto “legale”.

Venerdì, 24 Marzo 2017 10:22

MAFIA ESERCITO DELLA C.I.A., SPUNTANO LE PROVE

Postato da
MAFIA ESERCITO DELLA C.I.A., SPUNTANO LE PROVE

di   Giuseppe Barcellona

Nel 1942 la guerra pendeva dalla parte dei nazifascisti, il presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Roosevelt non dormiva sogni tranquilli; i sottomarini di Hitler erano appostati poco fuori la baia di Hudson pronti a silurare qualunque convoglio che dall’America partisse a sostegno degli alleati d’oltreoceano, i cittadini della grande mela osservavano preoccupati l’ammasso di ferraglia e residui oleosi che si estendeva lungo tutta la baia, testimonianza dell’efficacia militare dei nazisti probabilmente supportati da un’efficace rete di spionaggio di immigrati tedeschi e soprattutto italiani, specie quelli di origine siciliana che avevano in mano la flottiglia di pescatori del porto.

Martedì, 21 Marzo 2017 13:53

Quel Fesso di Papà

Postato da
Quel Fesso di Papà

In principio era il Padre, alla fine è rimasto il bignè di San Giuseppe. Oggi è la festa del papà, doppiamente ridicola e surreale. Ridicola come tutte le feste di genere astratto, dedicata alla mamma e agli innamorati, al gatto e alla donna, al bambino e al gay.

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • L’UE nasconde la testa sotto la sabbia
    Scritto da
    All'ombra del referendum sull’autodeterminazione della Scozia un'altra emergenza si evidenzia sulla sorte dell'Unione europea. I leader dell'UE hanno preso la decisione finale di rinviare a tempo indeterminato il vertice economico che avrebbe dovuto essere la chiave dell’attuale semestre di presidenza italiana. La versione ufficiale è che l'agenda è sovraccarica. Tuttavia, nelle hall di Bruxelles si vocifera che l'assenza dei leader europei dipende dalla impossibilità di capire cosa fare con l’economia europea.
    Leggi tutto...

Utenti online

Abbiamo 229 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto