Contenuto Principale
Sabato, 19 Ottobre 2013

Consiglio Comunale n° 7 del 24-09-2013

Postato da  

Cari lettori e lettrici, tranquilli, non ho sbagliato il numero del Consiglio, ne mi sono dimenticato di seguire assiduamente i suoi lavori. Ho scelto deliberatamente di numerare il “ terzo Consiglio Comunale” della nuova maggioranza, perché in realtà esso è la prosecuzione dell’adozione di ordinanze relative all’attività della trascorsa consiliatura: quella dell’ex Sindaco Silvano Corradi e del Vicesindaco  Marina Taffara.

La seduta, iniziata regolarmente alle ore 19.00, è stata aperta con una mozione a firma del Consigliere Marina Taffara, inerente la sicurezza sul lago di Caldonazzo, specificamente nell’area attigua al lido di S. Cristoforo. La mozione scaturisce dal fatto che a seguito la chiusura a tarda ora della predetta attività commerciale, alcuni avventori si intrattengono all’esterno, esibendosi in chiassose esternazioni, procurando disturbo alla quiete pubblica e specificamente agli abitanti del circondario, arrecando talvolta anche danneggiamenti ad opere pubbliche e private.

Con voto unanime, la mozione è accolta e il Sindaco s’impegna a ragguagliare la Polizia Locale e le forze dell’ordine, al fine di intensificare il pattugliamento della zona durante le ore notturne.

Il Sindaco si dichiara inoltre disponibile, a promuovere un’attività di sensibilizzazione educativa per i ragazzi volta anche ad instaurare un rapporto fiduciario con le rispettive famiglie, al fine di porle a conoscenza della condotta intrattenuta dalla propria prole.

Segue una mozione presentata dal Consigliere di opposizione Daniele Lazzeri, avente per oggetto l’instaurazione di una nuova Commissione per la Sicurezza, che servirà per proporre interventi normativi in tema di:

prevenzione dei furti, sicurezza sul lavoro, sicurezza ambientale, piano di emergenza Comunale, che coinvolgerà anche la Protezione Civile ed altro.

La mozione è approvata all’unanimità.

I lavori del Consiglio proseguono con un ulteriore intervento del Consigliere Lazzeri, il quale, propone al Consiglio di sottoscrivere ed approvare un documento inerente la grave crisi diplomatica siriana, al fine di scongiurare l’annunciato intervento militare internazionale, mediante l’attivazione di tutte le iniziative diplomatiche volte a favorire una soluzione pacifica della crisi.

Il documento viene approvato a maggioranza, con un astenuto.

Si passa quindi all’esame del primo punto all’o.d.g. della seduta:

“Approvazione del PRIC  ( piano regolatore illuminazione comunale )”.

Il piano regolatore per l’illuminazione comunale deve ottemperare a quanto previsto in materia dalla legge provinciale  n° 16 del 3 ottobre 2007. Esso è stato avviato dalla precedente giunta comunale.

Si tratta di un piano che avrà forte rilevanza sul bilancio del Comune, dato che comporterà lo stanziamento di 5.200.000,00 euro complessivi nei prossimi 10 anni.

Il PRIC si basa su uno studio di programmazione, fattibilità e sviluppo, realizzato da professionisti provenienti da fuori provincia, al costo di 55.000 euro, incaricati da STET S.p.A., a sua volta ed a suo tempo, incaricata dal Comune di Pergine di effettuare tale approfondimento teorico. Questo piano prevede anche la regolamentazione dell’illuminazione privata.

Resta oscura la ragione per la quale STET SpA, dotata di tecnici ed incaricata dal Comune (che ne è il principale azionista), di svolgere lo studio in argomento (per il valore di 62.760 euro), abbia subappaltato l’attività professionale, trattenendo per se un ricavo del 13%.

Lo studio è quindi illustrato dai tecnici che l’hanno eseguito, i quali tra l’altro, evidenziano come, attualmente, la condizione dell’illuminazione pubblica delle strade comunali, presenti ben 86 palificazioni stradali prive di collegamento di sicurezza a terra, oltre ad altri punti luce equipaggiati con le vecchie lampade ai vapori di mercurio.

Dall’esposizione dello studio si apprende che il primo intervento da effettuare (entro un anno) consiste nella sostituzione di molte lampade dell’illuminazione stradale, passando dai vapori di sodio ai led (nuova tecnologia ormai giunta ad un grado di affidabilità elevatissimo, a dire dell’Assessore Franco Demozzi); seguirà il rifacimento integrale di 90 quadri elettrici per l’illuminazione stradale, con l’installazione al loro interno di regolatori del flusso luminoso. Sarà quindi la volta della messa in sicurezza dei predetti pali della luce, sprovvisti di messa a terra e di altri piccoli interventi, per un importo stimato di circa 350.000 euro.

Su richiesta di alcuni consiglieri dell’opposizione (prima fra tutti il consigliere Marina Taffara del PD), l’Assessore Demozzi evidenzia che il reperimento dei fondi necessari alla realizzazione delle opere illustrate dal progetto e previste dal piano, sarà effettuato sulle voci di bilancio dell’esercizio 2013/2014, a seguito la maggiore economia derivante dal risparmio energetico ottenuto (circa il 60% su 440.000 Euro oggi spesi dal Comune per l’illuminazione stradale) e altri fondi, derivati da contributo Provinciale pari ad Euro 75.000 circa.

Il PRIC viene approvato all’unanimità.

Il secondo punto all’o.d.g. riguarda il rinnovo del contratto di collaborazione con i Comuni di  Fierozzo e Frassilongo, finalizzato  ad assicurare il supporto del personale del Comune di Pergine, nell’espletamento delle pratiche inerenti i lavori di edilizia pubblica e privata.

La convenzione fa riferimento ad una collaborazione che intercorre da due anni, generata dalla circostanza che la Comunità di valle Alta Valsugana e Bernstol, pur avendo tra le proprie finalità istituzionali la costituzione di una gestione associata tra i Comuni ad essa afferenti, non ha ancora provveduto ad attivarla.

 

Prima della sospensione della riunione del Consiglio, la maggioranza chiede che sia anticipato l’esame di un punto dell’ordine del giorno, a seguito il suo particolare rilievo e carattere d’urgenza.

E’ quindi discussa la modifica del Regolamento Comunale sulla Commissione Consuntiva per la Promozione Culturale del Comune di Pergine.

L’Assessore Angela Leonardelli chiede al Consiglio, di inserire all’interno della Commissione anche un rappresentante del soggetto assegnatario della concessione per la gestione del Teatro Comunale di Pergine

Con votazione contraria dell’opposizione, che ritiene priva di fondamento tale proposta e non esaustive le spiegazioni dell’Assessore Leonardelli, è deliberata a maggioranza, l’integrazione della Commissione di Promozione alla Cultura.

Alle 23.30 la seduta viene sospesa e aggiornata all’indomani alle ore 19.00.

Riunito puntualmente il Consiglio, si dà lettura del primo punto all’o.d.g. rimasto inevaso nel corso della precedente tornata, inerente la “ modifica ed integrazione del regolamento della Polizia urbana di Pergine Valsugana.

E’ data facoltà di parola al facente funzioni di Comandante della Polizia Municipale, dott. Andrea Tabarelli  il quale, fa presente la vetustà del regolamento (risalente come stesura originaria al 1924) e la sua inadeguatezza in alcuni punti essenziali, che non permettono l’intervento dei vigili per sanzionare comportamenti incivili quali, ad esempio:

l’utilizzo improprio delle panchine o strutture pubbliche, l’accattonaggio finalizzato ad organizzazioni malavitose.

Una prima stesura delle modifiche al Regolamento è apparsa eccessivamente restrittiva, tantoché sia componenti della maggioranza che della minoranza hanno promosso degli emendamenti che hanno dato forma ad una modifica del testo equilibrata ed opportuna. Gli stessi hanno quindi condiviso l’opinione che il predetto Regolamento, debba essere completamente rivisto, per una sua più armonica adozione e interpretazione, affidando tale incarico alla neo costituita Commissione Sicurezza.

Viene approvato con 15 voti favorevoli e 4 astenuti

Le successive delibere del Consiglio, votate all’unanimità dei presenti, hanno riguardato l’incremento del valore della s.u.l. (superficie utile lorda) della zona F2 del P.R.G., richiesto dalla Fondazione “Montel - Casa Santo Spirito”, relativa alla p.ed. n.1345, per la realizzazione di: una nuova palazzina per l’accoglienza di persone affette da patologia Alzheimer;

di n° 3 appartamenti (due bilocali ed un monolocale) quali alloggi protetti;

nuove celle mortuarie;

una sala polifunzionale;

una sala da pranzo con angolo cucina;

un settore per palestra;

un ambulatorio ed un bagno assistito.

L’ultima delibera della presente riunione del Consiglio è stata dedicata, con voto unanime dei 17 consiglieri presenti, all’approvazione del Regolamento in materia di dati personali e disciplina delle attività comunali.

Si è conclusa una lunga maratona consiliare, che ha visto impegnati i rappresentanti della cittadinanza, con molta attenzione e propositiva partecipazione. Altrettanto non si può affermare rispetto al coinvolgimento della cittadinanza, la cui presenza complessiva in entrambe le serate è quantificabile nelle dita di una sola mano.

Ciò rende inopportuno il proposito dell’ Amministrazione comunale di investire per la diffusione “in rete” delle riunioni consiliari.

Giorgio Decarli

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Ha vinto l’astensionismo
    Scritto da
    Guadagna enormi consensi, anche qui in Trentino, il partito che ha ormai quasi raggiunto il 40% dei suffragi: il Partito degli Astenuti. Gli altri vincitori, quelli che comunque si accaparreranno uno scranno in consiglio provinciale, non se ne curano perché, tanto, alla fine è la maggioranza dei voti che conta. Una maggioranza calcolata proporzionalmente sul numero dei votanti. Un concetto che Alexis de Tocqueville spiega molto bene nel suo saggio La Democrazia in America, parlando della “dittatura della maggioranza”. Tutti quei cittadini che non si sono recati alle urne (ben il 37,19%!), “spariranno” e non se ne parlerà più fino…
    Leggi tutto...

Utenti online

Abbiamo 128 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto