Contenuto Principale

COMUNICATO STAMPA del Sindaco di Pergine Valsugana

Postato da  

Il Consiglio Comunale tenutosi a Pergine Valsugana il 22 luglio ha fornito degli interessanti elementi di riflessione sulla situazione politica della terza città del Trentino.

Un primo elemento riguarda la maturità ed il senso di responsabilità dimostrato dall’Amministrazione Comunale a guida delle LISTE CIVICHE, e parlo a nome di tutta la mia maggioranza,  che,  pur di dare attuazione alla soluzione proposta per risolvere l’annosa questione delle soffitte fantasma, non ha esitato a fare un passo indietro su alcuni punti della proposta di variante al PRG. Tale atteggiamento ovviamente è stato letto da una parte della minoranza come un punto di debolezza e rottura all’interno della maggioranza, segno che alcuni rappresentanti storici della vecchia politica perginese, nonostante l’evidente fallimento del tradizionale sistema politico che ha governato la nostra città (fallimento sancito dall’esito delle elezioni comunali del 2013),  non sono assolutamente in grado di uscire dagli schemi ideologici e preconcetti che mettono l’utilità propria davanti alle esigenze delle persone e del territorio.

Sorprende ancora di più vedere che questa attenta analisi politica arriva da uno dei veterani della passata amministrazione che, peraltro, in fatto di rotture all’interno della maggioranza ha accumulato 4 anni di esperienza!

In ogni caso, messe da parte le polemiche, rimane un fatto: questa amministrazione in un solo anno di legislatura ha saputo trovare una soluzione ad un problema che l’attuale coalizione di centrosinistra autonomista non aveva saputo/voluto/potuto risolvere in 6 anni. E poco importa se ora, dopo mesi di ostilità e tentativi di boicottaggio, qualcuno dell’opposizione voglia rivendicare un merito da spendere nella prossima campagna elettorale dopo anni di inerzia: sono certo che i cittadini perginesi sapranno distinguere meriti e colpe dei vari protagonisti di questa vicenda.

 

Ma il vero elemento di riflessione ad esito dalla seduta del consiglio comunale è a nostro avviso il seguente: la coalizione di centrosinistra autonomista, quella che si appresta a presentarsi unita alle prossime elezioni comunali del 2015, in realtà NON ESISTE, o almeno non esiste su temi importanti, dove serve concretezza e unità di intenti al fine di dare una risposta ai problemi della città.

Se però parliamo di privilegi acquisiti dalla “casta” politica trentina che rappresenta il centrosinistra autonomista a livello provinciale e regionale, ecco che la coalizione ritrova la compattezza, senza necessariamente sentirsi in dovere di valutare l’equità della soluzione proposta dal Consiglio Regionale per il problema dei vitalizi d’oro dei consiglieri.

Ed ecco allora che la coalizione di centrosinistra UPT-PATT-PD si è rifiutata,  compatta e coesa,  di votare a favore dell’ordine del giorno presentato dalle LISTE CIVICHE  contro i vergognosi vitalizi.

Mi domando, e credo che lo stesso facciano molti cittadini perginesi, come è possibile opporsi alla soluzione del problema dei sottotetti dicendo che la proposta è iniqua e poi non accorgersi dell’ingiustizia sociale perpetrata con la legge farsa approvata dal Consiglio regionale?

 

In sintesi la coalizione di centrosinistra autonomista c’è (e probabilmente ci sarà) solo dove è più opportuno e conveniente in funzione del mantenimento dei privilegi, giusti o meno che siano, fino ad oggi acquisiti.

 

Roberto Oss Emer

Sindaco di Pergine Valsugana

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Requiem per un’Orsa
    Scritto da
    Daniza era un’orsa intenta a svolgere il primario dovere di ogni madre: difendere la propria prole. L’aggressione, peraltro molto blanda negli effetti, data la mole e la prestanza dell’animale, ad uno dei tanti, troppi “appassionati micologi” che razzolano nei boschi durante la stagione estiva, ha fatto scattare la sentenza di morte emessa dalla PAT. Alcuni media nazionali, si sono ieri preoccupati di dare voce al palesato dolore di uno dei forestali che ha eseguito la sentenza di morte, chiarendo che si è trattato di un inspiegabile errore nella dose anestetica. Ma le dichiarazioni rilasciate dopo il ferimento del valligiano dall’assessore…
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 290 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto